lunedì, febbraio 21, 2005

Almeno quando faccio il pieno mi sento utile

Gasolio e benzina aumenteranno, rispettivamente, di 0,1 e 0,05 euro. La cifra raccimolata con il balzello novello dovrebbe portare nella patria saccoccia 350 milioni di euro, soldini che serviranno per sostituire gli autobus inquinanti con nuovi bus ecologici.
0,1 e 0,05 euro che andranno ad aggiungersi alle 1,90 lire per la guerra di Abissinia del 1935; alle 14 lire per la crisi di Suez del 1956; alle 10 lire per il disastro del Vajont del 1963; alle 10 lire per l'alluvione di Firenze del 1966; alle 10 lire per il terremoto del Belice del 1968; alle 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976; alle 75 lire per il terremoto dell'Irpinia del 1980; alle 205 lire per la missione in Libano del 1983; alle 22 lire per la missione in Bosnia del 1996; alle 39 lire (0.020 euro) per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004.
Insomma, l'emergenza passa, la tassa resta. C'est la vie!
Ah, dimenticavo: i valori riportati sono comprensivi di iva, cioè una tassa sulla tassa.