domenica, marzo 20, 2005

Omelia. Religione: prendere o lasciare

Leggo su Tanhauser che Amina Wadud, rompendo una tradizione di quattordici secoli, è stata la prima donna a condurre (come imam) la preghiera musulmana del venerdì*.
Nietzsche commenta con un post chiedendosi quando una cosa del genere accadrà nel mondo cattolico.
Il fatto è che le religioni hanno delle regole, prevedono ruoli, impongono comportamenti. E se tu vuoi far parte della combriccola devi accettarli. Al contrario, oggi, tutti pensano alla religione (che è ben diversa dalla fede) fai da te. Sono cattolico però non praticante (e che vuol dire? l'essenza della religione è la pratica), credo a Gesù ma non nella Madonna, sono musulmano ma mangio le salsicce, vorrei le donne al posto degli uomini, non credo nella Chiesa però in Dio sì e via discorrendo.
Ma così è troppo facile. Il cattolicesimo (e credo anche l'islam) prevedono che a celebrare (la Messa o la preghiera del venerdì) sia un uomo. E così sia. Sono canoni millenari, resi indiscutibili ed inopinabili dagli uomini stessi, che governano la vita religiosa di milioni di fedeli (che d'altra parte si affidano alla religione anche per il suo carattere preconfezionato, che dà così tanta sicurezza).
Cambiare queste regole non ha senso, perchè significa snaturare ciò che si vuole trasformare. Quindi o si prende o si lascia. Oppure si fonda un culto su misura.
E' parola di Catcher Bloch.
*La cosa, ovviamente, è successa in una moschea di Manhattan e non a Teheran.

1 Comments:

Blogger nietzsche said...

Il problema è che nessun testo sacro di Santa Romana Chiesa prevede che a celebrare la messa debbano essere solo uomini (nel senso di persone di sesso maschile) né, secondo quanto ci è stato tramandato attraverso i vangeli, Gesù ha mai affidato in esclusiva il ruolo a uno dei due sessi. Semplicemente è accaduto che, nel tempo storico di Cristo, gli apostoli che aveva fossero solo uomini. Ma era quel particolare tempo storico e ora le cose sono cambiate. Per questo non ci sarebbe nulla di strano a cambiare: non si violerebbe alcun dogma.

1:48 AM  

Posta un commento

<< Home