sabato, aprile 09, 2005

L'addio, il bastone.


Voci insistenti mi richiamano a doveri superiori. Ci siamo divertiti, ma ora non è più tempo. Chissà, magari il futuro ci riserverà nuovi sollazzi, novelli diporti, inconsueti cazzeggi intellettivi. Nella speranza che chi di dovere finalmente presenti le sue dimissioni.
Nell'attesa vivrò di ricordi, fiero d'essere (per sempre) tra i fondatori del Sacer ordo baculi corni maris.

5 Comments:

Blogger nietzsche said...

Vuol dire che sospendi il blog? E perché? Oppure ho capito male?

9:39 PM  
Blogger Catcher Bloch said...

Tutt'altro, caro Nietzsche. Lettera ventidue rimarrà per me l'unico punto di contatto con il mondo reale. Almeno sino a quando non avrò onorato i miei impegni accademici. Il triste saluto è rivolto agli altri membri del Sacer ordo, che mesti abbandoneranno il trio per tornare ad essere un duo. Per qualche settimana, forse qualche mese. Piazza Borsa già rimpiange le acrobatiche frecce tricolori.

12:08 AM  
Blogger bucaniere said...

Non ti dimenticheremo mai, nulla sarà più uguale a prima. La confraternita del Sacer ordo baculi corni ti saluta mesta. Nell'attesa del tuo ritorno intoneremo il classico motivo:
"Avanti e indietro, avanti e indietro, avanti e idietro, avanti e indietro....".

1:42 AM  
Blogger nietzsche said...

"finché nol se consuma..." se il motto dell'Ordine è tramandato correttamente.

10:14 AM  
Blogger Q said...

:-(
Listeremo a lutto i nostri bastoni e i nostri registratori. Con bucaniere, nell'attesa del tuo ritorno intonerò la consueta litania.
Ave atque vale.

10:41 AM  

Posta un commento

<< Home