domenica, giugno 26, 2005

Protesto, quindi, sono

Che simpatici gli studenti dell'università Roma Tre.
Protestano contro la Coca Cola, boicottano i distributori automatici che vendono il liquido yankee, chiedono al senato accademico di distribuire prodotti equi e solidali. E tutto questo perchè i dipendenti colombiani della company non hanno previdenza sociale, possono essere cacciati in qualunque momento e guadagnano il salario minimo*.
Ai piedi di questi giovani idealisti, adorabili Nike Air Max.
*Insomma, uguali uguali ai collaboratori dei giornali.

Fenomeni

Sembra Jimmy il Fenomeno.
E invece è Ettore Setten, presidente del Treviso Football Club.

La foto è tratta dal sito ufficiale.

venerdì, giugno 24, 2005

Tempi difficili

L'Italia è in recessione.
Serve un volano per l'economia.
Penso di averlo trovato.

mercoledì, giugno 22, 2005

Stasera si scopa!

Siamo alle solite.

La finlandesona di turno sceglie il latin lover nostrano per sollazzarsi sulla spiaggia e subito i connazionali, ingelositi, la buttano in polemica.

domenica, giugno 19, 2005

Cornuto e mazziato

Ora, io pago l'autostrada perchè è una strada a "rapida percorrenza". Ovverosia pago un pedaggio perchè mi viene garantito un servizio che, nello specifico, è quello di andare dal punto x al punto y in minor tempo che non utilizzando una strada normale. Loro mi fanno correre, io sgancio il grano.
Ciò significa che se (senza alcuna ragione apparente) mi fermo improvvisamente sotto il sole cocente e non riparto più per una buona mezz'ora, senza la possibilità di avanzare di un metro (ma neppure quella di retrocedere, stretto in una sorta d'enorme trappola per topi), il servizio non mi è stato prestato, ovvero è scadente, per cui non è più giustificato il pagamento del corrispettivo. E', insomma, un contratto senza causa (economica), e cioè un contratto nullo per mancanza di uno dei suoi requisiti essenziali.
Per non dire che è un'enorme spaccatura di cazzo della quale stasera proprio non so farmi una ragione.

venerdì, giugno 17, 2005

Tv spazzatura

Qualche tempo fa Giampaolo Gobbo aveva annunciato: "D'ora in avanti boicotteremo le televisioni di Panto. Nessuno degli iscritti al Carroccio presenziarà più alle sue trasmissioni televisive".
Adesso tocca a Piergiorgio Stiffoni: "Basta soldi finchè fa pornografia".
Insomma, 'sta Lega Nord vuol proprio toglierci tutto il divertimento.
P.s. E comunque pare che anche dopo il proclama del segretario qualcuno abbia egualmente avanzato richiesta ad un conduttore pantista di poter fare un'ospitata nel suo programma. Il narcisismo dei celoduristi.

mercoledì, giugno 15, 2005

Liberiamocene, per dio!

Scajola lo cacciano dall'Interno perchè dà del rompicoglioni a Biagi (vittima delle Brigate Rosse) e una volta che si son sgonfiate le polemiche lo mettono a capo delle Attività produttive.
Tremonti lo cacciano dall'Economia perchè Fini proprio non lo può sopportare e, alla faccia dei carnefici, lo fanno vicepresidente del Consiglio. In coppia con Fini, of course.
Storace perde clamorosamente le elezioni nel Lazio (contro Marrazzo, quello che conduceva i piagnistei su Rai Tre) e in un men che non si dica lo nominano ministro della Salute.
Dal che ne deduco che in politica, comunque vada, sarà un successo.

Vi faccio i miei complimenti

Da Corriere.it
VARESE - Stand up in piazza Podestà, ore 14. Davanti alla sede della Lega, sullo sfondo la mostra dei Celti e lo stemma affrescato Virtus et Gloria, il direttore di telePadania , Max Ferrari, intervista Mario Fittipaldi, fratello d’uno degli arrestati per la caccia all’albanese di lunedì. Domanda: «Ieri c’è stata una manifestazione giusta e comprensibile, un po’ muscolare, che è stata molto apprezzata dai cittadini... E’ finita in una scazzottata con uno dei tanti nullafacenti che girano per Varese. Niente di grave. Grave, è che per questo episodio ci siano stati degli arresti. Che ci dici?». Risposta del Fittipaldi, 36 anni, testa rasata e una geografia di cicatrici sulle mani: «Sì, noi speravamo di non incontrare questo albanese. Non doveva passare di lì. Invece è successo. Ma sono stati solo quattro schiaffi, sette giorni di prognosi. Niente, confrontati all’omicidio di Claudio... E’ che di questi albanesi ce n’è in giro molti». Intervistatore: «Sì, troppi». Intervistato: «Il nostro corteo è passato davanti alla Lega Nord, qualcuno ci ha applaudito. Il governo deve darci giustizia. Noi faremmo di più. Ma abbiamo famiglia, non possiamo farci giustizia da soli. Poi, se ci danno l’ergastolo, la famiglia chi la mantiene?...». Intervistatore: «Vi faccio i miei complimenti».

martedì, giugno 14, 2005

Maturi o bacati?

Per il cardinal Ruini gli italiani sono maturi.
Proprio come una pera prima di cadere dall'albero.
E putrefarsi.

domenica, giugno 12, 2005

Cancella il debito

Imbarazzo nel corso del G8 finanziario tenutosi nei giorni scorsi a Londra.
Secondo fonti non ufficiali, il segretario di Stato americano al Tesoro, John Snow, avrebbe tenuto fino all'ultimo con il fiato sospeso gli altri partecipanti al summit perchè gli Usa vivevano in quelle ore un incredibile dilemma: cancellare il debito dei Paesi poveri oppure quello di Mike Tyson?
Poco prima che il giapponese Tanigaki compisse seppuku, la telefonata risolutrice dalla Casa Bianca: optiamo per il primo.
Pare che Tyson si sia già rivolto a Bono Vox.
Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, non sa ancora se schierarsi.

Commento tecnico

Chi è il distinto Signore che commenta (presumo abitualmente giacchè pareva piuttosto a suo agio) insieme ad un tizio con i capelli bianchi medio lunghi le partite del Treviso, da quel che ho colto per una radio locale?
Il piacevole tipetto, munito di cuffia e microfono, ha trascorso tutti i minuti messigli a disposizione da Treviso- Torino bestemmiando dio ad ogni piè sospinto.
Mi chiedo se sia stato onda.

Fashion AJ

Son vestiti sempre alla stessa maniera: Topolino, Paperino e Armani.
P.s. Ora, da trevigiano non vorrei mai che Bo vincesse uno scudetto. Da amante della pallacanestro non vorrei mai che Milano, la franchigia che gioca il basket più noioso degli ultimi anni, vincesse lo scudetto. Da persona dotata d'intelletto non vorrei mai che una squadra che ha come tifosi Valerio Staffelli e tutta la "Milano Bene" (ah, il piacere dello stereotipo) vincesse lo scudetto. Ergo, per due buone ragioni ad una, credo che sarei un pò meno amareggiato se lo scudetto se lo pigliasse Bo. Ma alla fine, lo so, finirò per tifare per gli arbitri del tavolo.

venerdì, giugno 10, 2005

Priorità

Tutto è finito, Clementina Cantoni è stata liberata.
La notizia ha parzialmente rinfrancato la famiglia, decisamente sconsolata dopo aver appurato, al termine dei conteggi ufficiali, che è scesa in piazza più gente per l'addio al celibato di Totti che per le veglie di liberazione della volontaria italiana.

giovedì, giugno 09, 2005

Chi è il papà di Gesù?


I dott. Rossi

Pare che in alcuni supermercati di Catanzaro e dintorni, le cassiere diano come resto lauree ad honorem.

mercoledì, giugno 08, 2005

Qulacosa non funziona

L'università italiana non è meritocratica.
Capita che, durante una prova d'esame, una ragazza definisca il criterio di "rilevanza" parlando a vanvera del principio di ragionevolezza, che risponda alla domanda "Chi svolgeva il controllo di costituzionalità nel periodo transitorio tra il 1948 ed il 1956?" dicendo "Il re" (e dico, il re!, negli anni '50) e che venga rispedita al posto dal docente sconsolato, che po trascorrerà i successivi dieci minuti ad interloquire con la sua assistente allibita. Capita che dopo i suddetti dieci minuti, la studentessa venga richiamata con la seguente frase: "Proviamo con una domanda d'appendice" e capita che lei non sappia rispondere neppure al quesito in questione. Capita che il professore la rispedisca al posto e, dopo aver meditato altri cinque minuti, esclami: "23".
Capita che un giovine sostenga buona parte della sua prova rispondendo a tutte le domande che gli vengono poste, ma proprio tutte. Peccato che lo faccia trattando argomenti del tutto fuori campo. Il tizio è brillante, parla, parla e parla, e ha la erre moscia, gli occhialoni spessi, l'aria di chi "più ne sa e più ne mette", la saccenza di chi si è diplomato con 110 e lode e, per dio, stiamolo ad ascoltare sebbene dica cose che non c'entrano nulla, che in fin dei conti c'è solo da imparare. Capita che il giovine in questione prenda 30 (e non dia alcun segno d'apprezzamento, che tanto c'è abituato), ed io, se fossi in lui, mi farei beffe di quei quattro cretini che si premurano di dire cose a tema, che se fossero stati loro al mio posto sarebbero stati cacciati dal professore a pedate nel culo.
Poi capita che gente normale faccia delle ottime prove, risponda ad ogni domanda in modo più che egregio, venga spedita via dall'assistente sorridente e contenta dopo che la stessa l'ha fermata più e più volte: "va bene, va bene, basta così". E capita che questa normal people si presenti dal professore e concluda brillantemente l'esame a lungo preparato e, invitata ad alzarsi, pensi tra sè e sè "Sono andato bene, lo so io e lo sa anche lui". E capita che queste persone, invece, ricevano qualche punto in meno del dovuto perchè "Dai che si sa: una volta tocca a te, una volta è toccato a me, domani toccherà a lui. Lo sai che prendere quello che si merita, in 'sta cazzo di università, è cosa più unica che rara. Magari era incazzato, magari non ci ha manco pensato a quello che dicevi, e per non rompersi troppo le palle ha confermato il voto dato dall'assistente".
E capita che si vada a bere uno spritz, per festeggiare, e l'amarezza passi che tanto "chissenefrega" e tanto "è andata lo stesso" e poi "il voto di laurea non conta niente, è la vita a far la selezione". E capita che ai prossimi esami non ci sia neppure il fastidio, ma solo la rassegnazione di sapere che c'è del marcio in Inghilterra, e non lo cambi di certo tu. Ed è forse questo il male peggiore del sistema universitario italiano. Altro che riforma Moratti, tre più due, uno più quattro e cinque più zero.

lunedì, giugno 06, 2005

Ma si può?

Da TgCom:
Londra, Brian Harvey in fin di vita
L'ex East 17 vittima di un incidente
Brian Harvey, l'ex leader della boy band East 17, è stato trasferito in un'ospedale specializzato dopo un'operazione durata oltre 3 ore. Il cantante è rimasto vittima pochi giorni fa di uno strano incidente: è finito schiacciato sotto le ruote della sua Mercedes mentre faceva marcia indietro con la portiera aperta (corsivo di cb), riportando ferite e fratture all'addome e nell'area pelvica.

Secondo Simon Harrison, manager di Harvey, il giovane sarebbe ora in condizioni "gravi ma stabili". [...] La polizia ha subito ipotizzato che Harvey fosse sotto l'effetto di stupefacenti, ma la ricerca nell'auto ha dato esito negativo. Secondo alcune voci, inoltre, l'incidente in questione rappresenterebbe l'ultimo, singolare tentativo di Brian di togliersi la vita. Il suo manager ha tuttavia smentito l'ipotesi affermando: "Non credo sarebbe possibile progettare una cosa simile. Ci sono modi molto più semplici per suicidarsi. E' stato un incidente in una circostanza estremamente sfortunata".

domenica, giugno 05, 2005

Domande innocenti, pensieri eccitanti

Lo spot è meraviglioso, d'accordo*.
Tuttavia, quello che mi chiedo, ingenuamente, è:
a) perchè recarsi a lavare un'autovettura con un boa di lapin?
b) perchè mangiare un doppio cheeseburger mentre si insapona la suddetta automobile?
c) perchè, senza alcuna ragione apparente, cominciare a spruzzarsi maliziosamente l'acqua (che presumo gelata, giacchè proveniente da una normalissima canna da giardino) sul costume?
d) il detersivo per auto (immagino tossico e piuttosto inquinante) non altera il sapore del già citato panino?
In ogni caso, consiglio vivamente The Spicy BBQ. Costa (solo) 6 dollari.
P.s. Forse sono un debosciato, però al termine della visione non ho potuto fare a meno d'immaginare i Nanetti in un contesto analogo. Oppure Sandro e Ovidio, con la frase alla fine: mozza al prosciutto, that's hot.
*Il link è tratto da Wellaaa.

sabato, giugno 04, 2005

...


Numismatica

La Lega Nord chiede insistentemente di tornare quanto prima alla Lira.
D'accordo Paolo Bonolis: il "vecchio conio" è, da sempre, uno dei suoi chiodi fissi.